giovedì 27 dicembre 2012

Riflessioni post festeggiamenti

Anche questo Natale è volato via. Le abbuffate di cibo e di parenti di questi giorni mi hanno lasciato appesantita non solo a livello di calorie. Oggi ho voglia di leggerezza, di tranquillità… di trascorrere del tempo con i miei figli, di ritrovarmi tra le mie cose, nel mio mondo.

Mi manca la mia mamma, la sua dolcezza, la sua gentilezza, il suo entusiasmo, il suo ottimismo. Vorrei ancora essere guardata con la tenerezza con cui mi guardava lei. Vorrei che qualcuno mi chiamasse con quell’affettuosità con cui lo faceva lei. Vorrei sentirmi ancora una figlia, amata, protetta e compresa. Vorrei che qualcuno al mondo fosse orgoglioso di me almeno un terzo di quello che era lei. Lei amava il mio mondo perché era anche il suo, amava la bellezza, amava prendersi cura della sua casa. La sua grazia, la sua discrezione, la sua cordialità mi mancano da morire. Era una persona bellissima la mia mamma e senza di lei la mia vita non può più essere quella di una volta. Tra pochi giorni saranno tre anni che è in cielo e io vivo nella speranza e nell’attesa di poterla rivedere. Intanto cerco di seguire i suoi insegnamenti e di vivere ogni giorno con entusiasmo, di mettere al primo posto la famiglia, come ha sempre fatto lei, di dare ai miei figli la serenità che meritano e di gioire delle piccole cose semplici, che sono sempre le migliori.

10I dolori, la fatica, i dispiaceri di una vita non hanno mai offuscato la sua solarità, mai cancellato il suo sorriso. E anche se è molto dura, io sento che per me è lo stesso. Quando lei è venuta a mancare, molte mie amiche mi hanno detto che temevano che sarei cambiata. E invece almeno esteriormente, almeno nei rapporti con gli altri, io sono sempre la stessa. Certo la felicità e la spensieratezza che provavo un tempo si sono incrinate per sempre, ogni tanto ho bisogno di piangere un po’ o di starmene in silenzio per conto mio, molte cose mi appaiono frivole e senza senso, ho dato un peso nuovo alle persone che mi circondano, ma le mie emozioni e il mio entusiasmo sono quelli di sempre. E con essi voglio andare avanti un giorno dopo l’altro, facendo in modo che (come suggeriva Kandee Johnson in un post di qualche giorno fa) “oggi sia migliore di ieri”!

{Carmen}

13 commenti:

stefania ha detto...

Cara Carmen, credo che la tua mamma da lassù ti protegga e ti consigli ogni volta che sei in difficoltà. E' lei che ti dà la forza di sorridere e di essere comunque te stessa; è vero in questi giorni di festa quando ci si riunisce coi parenti è tutto più difficile e la nostalgia affiora però ricordati che la tua mamma è sempre lì, è il tuo angelo custode che ti stà a fianco in ogni momento.

Quanto costa esser donna ha detto...

Come ti capisco. Anche io ho perso una persona della famiglia a me tanto cara, e purtroppo questi giorni possono essere molto pesanti.
E' proprio come scrivi: "la felicità e la spensieratezza che provavo un tempo si sono incrinate per sempre".
Ti lascio un augurio sincero. Baci!

Dalmazia Lodi Rizzini ha detto...

mi hai commosso carmen...perchè le parole che dici esprimono l'amore che c'è tra te e la tua mamma prematuramente scomparsa....e forse chi ha provato un dolore come il tuo ti può capire fino in fondo.....la scomparsa di una mamma è l'anello di congiunzione tra il passato e il presente che si allenta...è la memoria che non si arricchisce più delle piccole e grandi cose della nostra infanzia...è la condivisione tra due donne, due spose, due madri e magari...anche due nonne che ci poteva essere...mi consola e auguro anche a te, che lei è presente in ogni cosa, la sento e sarà così fino a quando terremo vivo il loro ricordo!!! un abbraccio
dalmazia

silvia ha detto...

la tua mamma vive in te, e ti guida affinchè tu dia ai tuoi figli quello che lei ha dato a te
ti auguro con tutto il cuore che il suo insegnamento ti accompagni in ogni tuo passo
grazie per la visita e un abbraccio forte

edvige ha detto...

...ti è e sarà sempre vicina basta ascoltare. Buon Anno cara un abbraccio.

lory ha detto...

io ti abbraccio fortissimo!!!!!!!! Lory

A Nordic Heart ha detto...

Se cerchi di non farti cambiare dalle prove della vita, forse, stai cercando di seguire il suo esempio, che come hai detto non ha mai perso la sua dolcezza.
L'amore che ti ha dato è la cosa più bella e ora tu ne dai a tua volta.
Un abbraccio, Sonia

gabri ha detto...

Si vede dagli occhi che la tua mamma era una persona meravigliosa...ti è sempre accanto però io lo penso ogni giorno per sentire vicino il mio papà che è mancato alcuni anni fa...mi manca tantissimo...ma penso ai bei momenti con lui a quanto mi ha insegnato nella vita e anche durante la sua malattia...a essere sempre forte!!!Un bacione e auguri!!

angela ha detto...

tu sei una parte di tua madre, la fai vivere vivendo tu stessa, molto bello quello che hai scritto, un abbraccio, ti auguro un 2013 ricco di speranza gioia e fortuna

Nefertari ha detto...

Molto commovente questo tuo post, io ti capisco benissimo perchè è ciò che provo da quando non c'è più mio papà. Anche se sono passati già quattro anni certe senzazioni non mi abbandonano mai e inevitabilmente in questi giorni di festività natalizie si fanno più intense.
Tu continua con la tua grinta e la tua forza d'animo e pensa che hai una famiglia meravigliosa. Baci.
Mariagrazia

Nicky Miranda ha detto...

Cara Carmen,posso dire di capire benissimo le tue emozioni e la tua malinconia,perchè ho provato lo stesso dolore.La mia mamma è mancata 14 anni fa e da allora il Natale per me ha smesso di essere Natale.Anche se la vita continua e per Amore della famiglia uno fa comunque tutto quello che a Natale si fa,è dentro il cuore che le cose non sono più come prima.C'è quel vuoto incolmabile che morde dentro.E l'assenza e la mancanza diventano una compagnia costante...Un abbraccio forte!

serena ha detto...

Cara Carmen, tre anni fa io ho perso la mia amata sorella e da allora tutto è cambiato...Posso solo immaginare cosa significhi la morte di una madre, dolorosa ad ogni età.
Un giorno le riabbracceremo!
Ti abbraccio forte
Serena

terry ha detto...

Ciao sono Terry,mi ha molto colpito il tuo post perchè da quando una mia figlia ha avuto una grave malattia anche io ho avuto quelle sensazioni che tu descrivi, tieni il ricordo come la cosa più cara un abbraccio Terry.