venerdì 20 maggio 2011

Lavagnetta shabby chic

Buondì.
Anche oggi ho delle immagini della cameretta da mostrarvi. Si tratta di una lavagnetta che ho comprato, da appendere sulla scrivania. Molto carina, grande, di legno... ma decisamente troppo nuova per i miei gusti. Allora l'ho trasformata ed è diventata così:
Invece prima la cornice era così:
Nella foto mostro la parte posteriore della lavagnetta perchè ho pensato di fare questo tutorial solo dopo aver finito.
L'occorrente per questo lavoretto : lacca scurente, pennello e stucco o pittura per pareti.


Ho cominicato col passare la lacca scurente sulla cornice. (Asciuga praticamente subito)


Poi ho sporcato il pennello nello stucco o pittura murale che sia e l'ho scaricato sul legno.


Con della carta assorbente, ho strofinato la cornice facendo penetrare lo stucco nelle fessure del legno.

Guardate che bel risultato!

La lavagna aveva due buchi sul sopra per essere appesa.

In uno dei buchi ho passato lo spago a cui ho attaccato il cassino.



E con dei rettangolini di legno che erano nella confezione per trattenere i gessetti, ho fatto un piccolo porta-cassino.



Infine non poteva mancare un disegnino con dedica.



Fatto! ...come direbbe Mucciaccia!
Ora vado a cominciare la giornata, che è piena piena di impegni, come al solito!

Buon venerdì

Carmen

5 commenti:

marypoppins ha detto...

deliziosa!!!
buon we
Mary

Dori ha detto...

bellissima! e grazie per il tutorial, proverò sicuramente.
baci Dori

Simo ha detto...

Ma quanto brava sei?!
Da uno a dieci...dodici!
baci tesoro

mamy - marica ha detto...

Molto molto carina!

Ciao, mi presento, sono Marica e sono una nuova "blogger" (è così che si dice?!) e mi sto iniziando ora a destreggiare nella creazione del mio 1° blog:
http://myshabbydream.blogspot.it
venitemi a trovare!!!!!!!!!!!!!!!!!

Salutoni
Marica

leideedisusy ha detto...

anni fa...
ero piccola... boh forse 8 anni, quando barattavo i disegni con le merendine...
papà che era falegname mi ha costruito una lavagna bellissima che nessuno aveva. Era più alta di me arrivavo in alto con il braccio alzato e il ripiano girava.
era senza dedica però sapessi come sorrideva quando mi vedeva disegnare.
oddio scappo prima di frignare...
brava Carmen.